Tep: contratto di servizio prorogato fino a fine 2017

bus-x-corsie-preferenziali-sito-comune

COMUNICATO STAMPA – TEP comunica di aver ricevuto da SMTP la lettera di proroga del contratto per la gestione dei servizio di trasporto pubblico locale a Parma e provincia per ulteriori 6 mesi dalla scadenza, quindi fino a fine 2017.
La proroga, concessa di comune accordo con gli enti locali competenti Comune e Provincia di Parma, consente di garantire la continuità del servizio in attesa di chiarire gli esiti di gara tramite il giudizio del Tribunale Amministrativo Regionale, con l’udienza fissata per il 27 settembre.
“Siamo felici di poter continuare a servire Parma e i parmigiani per i prossimi mesi, come abbiamo fatto per 70 anni.” – è il commento del presidente di TEP Antonio Rizzi –“Proseguiamo nel nostro lavoro e guardiamo avanti con fiducia.”

Tep: a settembre l’udienza del Tar per il ricorso

tep3

Comunicato stampa TEP spa – Segnaliamo che il TAR ha fissato al 27 settembre 2017 l’udienza per la decisione sul ricorso avverso all’esito della gara per l’assegnazione del servizio di trasporto pubblico locale presentato da TEP.
Le parti, di comune accordo, hanno deciso di differire l’eventuale sottoscrizione del contratto all’esito del deposito della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale. L’azienda attende, quindi, con fiducia l’udienza di settembre.

(La foto è pubblicata sul sito della Tep spa)

Sindacati su ricorso Tep procedura di gara: rispettare gli accordi aziendali

tep

FILT, CGIL, FAISA CISAL e UGL desiderano esprimere la propria posizione al riguardo di un eventuale ricorso intentato da Tep contro il provvedimento di assegnazione del servizio di trasporto publico locale all’ATI Bus Italia–Autoguidovie.

Si ritiene doveroso premettere che il ruolo del sindacato è essenzialmente quello di tutelare i diritti dei lavoratori. Cosa che, in questa delicata fase di transizione per il trasporto pubblico di Parma, significa pretendere una valutazione approfondita della documentazione di gara con particolare attenzione al rispetto della clausola sociale e di quegli accordi aziendali che vanno quotidianamente a tutela della qualità del lavoro.

Le organizzazioni sindacali di categoria non potrebbero accettare che un’offerta, da chiunque formulata, non tenga conto e rispetti integralmente gli accordi sottoscritti in Tep ed inseriti nel capitolato di gara. Un’ipotesi di questo tipo, inaccettabile e dannosa per i lavoratori, andrebbe contestata in tutti i modi, anche con un formale ricorso.